Il figurinaio

Storia del figurinaio
La storia del figurinaio nasce nel 1500 quando i famosi stucchini, coloro che realizzavano stucchi per i palazzi signorili del tempo,iniziarono a riprodurre statue sacre e profane imitando le statue del rinascimento. Il tutto subì una rapida accelerazione quando nella seconda metà del 1800 si introdusse il gesso. Questa materia, di basso costo, poteva essere usata per riprodurre statue che potevano essere acquistate, dato il prezzo, da tutti.

Nella valle del serchio e della lima, a causa delle scarse risorse dell’agricoltura, era già in uso recarsi in Corsica per fare la stagione e lavorare nelle fornaci per la produzione dei mattoni. Così sulle orme della tradizione molti lucchesi iniziarono a espatriare per andare a vendere le statue.

Dapprima l’espatrio era temporaneo in quanto si costituivano le cosidette “compagnie” formate da una quarantina di persone adulti, donne e ragazzi che si portavano dietro tutto l’occorrente per lavorare: modelli stampi etc, si recavano in una città, New York, prendevano in affitto dei locali ed iniziavano la produzione.

I più esperti uscivano col prodotto finito e cercavano di vendere al miglior prezzo. Finita la campagna che poteva durare 3/5 anni tornavano a casa e si riorganizzavano: alcuni ripartivano per una nuova destinazione altri rimanevano in famiglia.
storia del figurinaio